Loading...

Torre vicereale

Visita il monumento simbolo di Cetara, e scopri la sua storia




DESCRIZIONE

La Torre vicereale è da ritenersi il riferimento connotativo del paesaggio della gola nella quale si sviluppa il centro storico di Cetara. Costruita nel XIV secolo con funzioni di avvistamento e di prima difesa, essa ha una struttura molto articolata, frutto di una integrazione tra una torre cilindrica angioina ed una a doppia altezza vicereale, aggiunta in epoca aragonese. Le due costruzioni sovrapposte, però, conservano una loro leggibile autonomia. Dopo lo sbarco dei Turchi nel 1534, l'edificio divenne parte di un sistema di fortificazioni articolato in circa 400 torri che copriva buona parte delle coste dell'Italia meridionale. Queste torri, al momento dell'avvistamento di imbarcazioni nemiche, si trasmettevano segnali, con il fuoco di notte e con il fumo di giorno, per avvertire la popolazione dell'imminente pericolo, e si preparavano a difendere la costa. La torre, infatti, era dotata di tre cannoni di bronzo e di tre "petrieri" (piccole catapulte) in grado di mirare verso il basso.

Dopo l'acquisto a fine '800 da parte di privati, la torre è diventata di proprietà comunale negli anni '90 ed in seguito restaurata. Nel 2011 è stata riaperta al pubblico ed attualmente ospita un Museo Civico con le mostre permanenti dell'artista cetarese Manfredi Nicoletti e di numerosi pittori della costiera, i cosiddetti "costaioli", nonchè il "Museo vivo" di un altro grande artista cetarese, Ugo Marano, allestimento che concepì negli anni '70 e che ha potuto riproporre nella torre di Cetara poco prima della sua scomparsa. Il Museo è organizzato in 4 sezioni principali che si intersecano tra loro per la vicinanza e i rapporti intercorsi tra gli artisti esposti e per i temi che raccontano il territorio circostante.
MUSEO VIVO

Agli inizi degli anni Settanta, in risposta alla crisi che vive, sul piano ideativo e strutturale, la ceramica vietrese sempre maggiormente rigirata in stanche declinazioni dello "stile Vietri", Ugo Marano dà vita al progetto Museo Vivo. La prospettiva è quella di sollecitare un coinvolgimento interdisciplinare, attraverso una proposta di libera creatività che vede coinvolte figure di operatori culturali diverse tra loro, in un laboratorio di ceramica al quale Marano affida la prospettiva di farsi possibile realtà di un museo della ceramica degli ultimi decenni del XX secolo. Dal 1972 al 1976, Marano invita a lavorare presso la Ceramica Rifa di Matteo Rispoli a Molina di Vietri, artisti quali Giulio Turcato, Renato Guttuso, Amerigo Tot, Antonio Petti, Antonio Franchini, Gelsomino D'Ambrosio, Mario Chiari, Mario Carotenuto, Gianni Ballaro, Tomaso Binga, Melchiode, l’architetto Alberto Cuomo insieme ad intellettuali quali Edoardo Sanguineti, Giulio Carlo Argan, Filiberto Menna, Giordano Falzoni e il musicista Stockhausen impegnato al Teatro San Carlo di Napoli. È proprio ad un’immaginazione utopica che guarda Marano, non come dettato narcisistico, bensì come trama di un confronto collettivo o, meglio, del recupero di quella forza pluralista espressa dal gruppo. L’idea della fabbrica-bottega, laboratorio del pensiero, ma anche del museo come fucina, come spazio per la ricerca e per la sperimentazione, è per Marano l'elemento centrale del programma di lavoro. Ugo Marano nel 2011, poco prima della sua scomparsa, ha proposto nelle sale del Museo Civico i risultati del Museo Vivo degli anni '70.


MANFREDI NICOLETTI

Del folto gruppo di artisti che, nell’arco di circa ottant’anni, ha dato vita all’esperienza dei pittori maioresi, la figura di Manfredi Nicoletti acquista un posto di rilievo perché il suo lavoro scava nelle radici più profonde, negli stati d’animo di quel quotidiano porsi rispetto al trionfo del paesaggio e della natura che, negli anni, lo porterà ad una visione drammatica della scena e del paesaggio. Nicoletti parla una lingua diversa. In lui l’accensione di quella solare gamma di colori che incornicia la scena della "divina costa" si attenua, si frammenta, si scompone per essere dapprima misura di uno sguardo che annota e trascrive le deformate scene delle feste popolari, dipinte tra gli anni venti e trenta ove la realtà percettiva viene alterata dalle luminarie artificiali, consumando un’idea di figurazione sino a riassumerla nella macchia, nella scrittura di un colore corsivo. Il suo è un segno-colore non indifferente alle soluzioni dei primi futuristi (sarà tra i promotori della conferenza tenuta da Boccioni a Napoli nel 1916) dunque attento a calibrare il movimento, l’energia delle masse, cioè di quei puntini-figure che l’artista agita, modula nello spazio che è luogo sia dell’esistenza sia dei fenomeni. Nelle stanze del Museo Civico è esposta una numerosa collezione di opere dell'artista concesse dal figlio.
I COSTAIOLI

Nella pagina della pittura napoletana del Secondo Ottocento trova posto la compagine dei pittori maioresi. È una compagine atipica rispetto al cliché del tempo, si tratta di ben quattro generazioni di artisti, unicamente pittori, che, dalla metà del secolo XIX fino agli anni cinquanta del secolo ventesimo, tratteggiano una delle esperienze più singolari. Sono personalità diverse tra loro la cui attività creativa s’intreccia con storie di viaggi e di emigrazione. La loro pittura si rivolge al paesaggio e allo studio della figura posta nella scena quotidiana; il paesaggio assume un valore di soggetto inconsciamente iterato. È la raffigurazione di uno spazio en plein air, invaso da un fluido luminoso, intensamente solare. È una cifra, questa, che connota una condizione culturale, un modo per ancorare il presente al valore di una cultura della visione radicata nella vita, nell’economia quotidiana, nella tradizione. Nelel stanze del Museo civico è presente un buon numero di opere dei maioresi mentre lontani per formazione e per generazioni si pongono le esperienze di Mario Carotenuto (Tramonti 1922) e Bartolo Savo (Atrani 1932) che hanno donato al Museo di Cetara due dipinti, significative testimonianze degli anni di amicizia con Manfredi Nicoletti.
META

META è il primo museo multimediale diffuso sul territorio - con l'alto patrocinio dell'Unione Europea e d ello Stato Italiano e realizzato con l'apporto economico della Regione Campania e della Fondazione Ravello - che prova a raccontare i paesi della Costa d’Amalfi. Un racconto attraverso quattordici luoghi, restituiti al pubblico e riallestiti in una nuova configurazione, risultato di indagine storica, invenzione artistica e ricerca tecnologica. Un modo di immaginare la costiera che ne riverbera il mistero e la seduzione esercitata da sempre su abitanti e viaggiatori. E un modo di tornare a casa, nella terra dove fioriscono i limoni e le sirene continuano a cantare. Per tutti quelli che nel progresso della storia avvertono ancora il lontano richiamo del mito. Nel Museo Civico Torre di Cetara sono presenti due allestimenti del progetto META:
1) Video su Cetara, i suoi monumenti, i vicoli caratteristici, la vita dei pescatori in porto, proiettato su un'intera parete della sala Roccia, con spettacolari riprese anche aeree tramite drone.
2) Video con alcuni quadri dei costaioli che prendono vita, proiezione di animazioni realizzate utilizzando alcune opere esposte nel museo di Cetara e in altri luoghi.


MUSEO CANTINA DELLA PESCA E DELLA COLATURA DI ALICI

Allestito nelle sale della parte inferiore originaria angioina della Torre Vicereale, il primo Museo Cantina dedicato alla Pesca ed alla Colatura di Alici è un’iniziativa realizzata nell’ambito del protocollo d’intesa firmato dal Comune di Cetara, dall’Associazione per la Valorizzazione della colatura di alici di Cetara, dal Flag Approdo di Ulisse e dal Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università Federico II di Napoli. Si tratta di uno spazio dove riposeranno ed invecchieranno botti antiche e terzigni dove si ripone il prezioso liquido ambrato ottenuto dalla maturazione delle alici sotto sale. Il museo cantina includerà anche una piccola, ma importantissima, biblioteca che raccoglierà nel tempo libri, documenti storici, giornali, riviste, fotografie dedicate alla colatura, alla pesca e alle radici di Cetara.


Video

Per prenotare l'escursione è possibile:

- chiamare al numero 089262911
- recarsi direttamente all'info point (situato in largo marina)

Escursione al momento non disponibile