Facebook  Instragram

  • Cetara... la perla della Costa d'Amalfi

  • Cetara... il paese della colatura di alici

  • Cetara... polo gastronomico d'eccellenza

  • Cetara... dove la pesca è stile di vita

  • Cetara... dove ogni prospettiva è quella giusta

  • Cetara... lo spettacolo inizia all'alba...

  • ...ma non termina al tramonto

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
barche alla banchina

Connubio pesca e ambiente a Cetara

Sta per prendere vita a Cetara il progetto del Laboratorio di Genetica Veterinaria e Biotecnologie applicate alle Produzioni Zootecniche (Genenvet) dell'Università di Napoli Federico II, nato per dare una spallata decisiva all'utilizzo del polistirolo nella filiera della pesca non solo regionale.

Arriva l'attesa stipula dell'accordo di collaborazione tecnico-scientifica tra Genenvet e l'azienda MD Consulting per l'innovazione tecnologica, la ricerca e lo sviluppo di servizi nell'ambito della genetica, della biodiversità e valorizzazione delle produzioni marine. A firmare l'intesa sono stati il professore Vincenzo Peretti in rappresentanza del laboratorio federiciano; Dante Mele, titolare del brevetto DuWo che consente di realizzare delle vere e proprie cassette per il pesce intelligenti e sostenibili e Guido Mele, amministratore della Campania Plastic, l'azienda produttrice.

Campania Plastica Packaging collaborerà con Genenvet, mettendo a disposizione personale, mezzi e strumenti necessari alla risoluzione del problema inquinamento marino da polistirolo, destinato al solo fine di ricerca scientifica, di progettazione e di diffusione lungo la filiera ittica. Fra i primi ad utilizzare le cassette intelligenti una cooperativa pescatori di Cetara alla quale saranno consegnate le nuove cassette.

Con questo protocollo di intesa diventa più concreto l'obiettivo finale della tutela della biodiversità marina, innalzando la qualità totale dell'intera filiera produttiva, controllando la procedura, tracciandola con un microchip e sostituendo le inquinanti cassette di polistirolo (che ancora purtroppo invadono il mercato ittico) con quelle in plastica riutilizzabile e riciclabile; così si garantisce al consumatore finale il massimo della sicurezza e della qualità del pescato.

Per questo progetto sono state sperimentate nuove tecnologie per identificare e tracciare in modo univoco i diversi prodotti ittici con tutti gli operatori. Grazie al microchip inserito nelle cassette, sarà possibile seguire il prodotto lungo tutta la filiera, dal mare fino alla tavola, garantendo la correttezza dei dati e la loro conformità alle norme in vigore. Si contribuisce così a tenere viva l'attenzione sull'importanza di tutela dell'ambiente marino costiero e di un consumo consapevole di prodotti della filiera ittica in grado di garantire ai consumatori elevati standard di qualità.